Final Eight

Per la pallacanestro ravennate, i regali di Natale non finiscono mai. E’ davvero un momento magico e indimenticabile quello che sta vivendo il basket nella città di San Vitale e se i regali sotto l’albero erano già stati ricchi e copiosi – successo amplissimo nel derby su Forlì e primo posto in classifica nel campionato di serie A2 con 4 punti di vantaggio sulle inseguitrici – ne sta per arrivare un terzo che rappresenta una vera ciliegina sulla torta. Anzi…. sul panettone. L’ufficialità giungerà solo tra due settimane, ma le indiscrezioni degli scorsi giorni hanno trovato conferma: il Basket Piero Manetti avrà in dono dalla Lega Nazionale Pallacanestro l’organizzazione delle Final Eight di Coppa Italia di serie A2 e serie B del 6, 7 e 8 marzo.

Quella avanzata da Ravenna è stata, infatti, l’unica candidatura pervenuta lunedì 23 dicembre alla scadenza del bando pubblicato dalla Lnp. Da quella data passeranno 20 giorni per l’esame della proposta e la verifica della sua rispondenza ai requisiti, poi verrà formalizzata l’assegnazione. Non resta che attendere, perché non essendoci altri concorrenti, l’organizzazione dell’evento verrà data al Basket Piero Manetti. Impensabile, infatti, si trovi un motivo cogente affinché non venga accolta la documentazione addotta e si debba cercare in extremis… chi poi? Appunto… Non resta che attendere per stappare lo spumante.

L’avversaria principale e più temuto si è fatto già da parte. Torino non ha presentato domanda. Perché?

Il motivo può fare sorridere gli appassionati di pallacanestro, ma è quanto accaduto realmente. Nella città della Mole non c’erano impianti disponibili. Sopattutto il Pala Ruffini, dimora della squadra allenata da Demis Cavina, era già occupato. Il 7 e 8 marzo ospiterà il “10° Trofeo L’Oasi Latina”, gara nazionale di danze caraibiche, di coppia e di gruppo organizzata da Federitalia Danze Amatori.

Vabbè… spostatelo… Si, ma dove? Alternative per una manifestazione che ogni anno porta a Torino 4mila persone, non ne sono state trovate. Il Pala Alpitour? C’è il concerto di Brunori SAS il 7 marzo. Il Lingotto? C’è ExpoCasa, il grande Salone dell’Arredamento, sino a domenica 8 marzo. Le Cupole? Troppo piccolo sia per il basket che per la danza.

Nulla da fare e quindi… bandiera bianca ed a esultare è Ravenna, rimasta sola in lizza.

La candidatura della città romagnola è stata compartecipata, organizzativamente ed economicamente, dal Comune di Ravenna e dal Gruppo Unigrà. Nella fattispecie prevede che i quarti di finale di B si svolgano venerdì 6 marzo al Pala Costa. Solo quei 4 match, però, perché poi sabato 7 le semifinali di A2 e della serie cadetta si terranno tutte in sequenza al Pala De André. Domenica 8 marzo, infine, le due finalissime saranno come da prassi in successione al Pala De Andrè.

Insomma, Ravenna giocherà davanti al suo pubblico (ai Quarti con Casale Monferrato) e Forlì eviterà di confrontarsi al primo turno con una Torino padrona di casa e avrà il vantaggio di avere tantissimi tifosi al fianco. Insomma, sportivamente parlando, un vantaggio per tutti.

dicembre 26, 2019

Torino alza bandiera bianca, a Ravenna le Final Eight di Coppa

Per la pallacanestro ravennate, i regali di Natale non finiscono mai. E’ davvero un momento magico e indimenticabile quello che sta vivendo il basket nella città […]